Il Bilancio Sociale per la governance e il controllo di gestione - Corso di formazione rivolto a enti di terzo settore e imprese sociali

Con l’approvazione del DM 4.7.2019 Adozione delle Linee guida per la redazione del bilancio sociale degli enti del Terzo settore diventa obbligatoria l’elaborazione e pubblicazione del bilancio sociale per gli enti di terzo settore.

Un appuntamento importante a cui è necessario arrivare preparati/e e che può rappresentare un’occasione per riflettere sulla propria organizzazione, la sua strategia ed il suo futuro in un mondo che cambia.

Il seminario proposto ha l’obiettivo di aiutare i partecipanti a costruire la propria cassetta degli attrezzi per elaborare il bilancio sociale ed imparare ad utilizzarlo come strumento di governo e di controllo di gestione.

In entrambe le giornate, momenti di lezione frontale volte a fornire un inquadramento teorico si intervalleranno con esercitazioni pratiche per ogni componente del bilancio sociale, le esercitazioni offriranno ai partecipanti l’occasione per lavorare in gruppi e confrontarsi con realtà simili alla propria.

A ciascun partecipante sarà fornito materiale di riferimento ed un attestato di partecipazione.

Programma

I contenuti della riforma del terzo settore: cosa cambia per il terzo settore?

I contenuti del decreto attuativo sul bilancio sociale

  • Pillola: Il bilancio sociale come strumento di governance e controllo di gestione

Punto 2) del decreto Bilancio sociale: perché sono importanti la vision e la mission e come elaborarli

Punto 3) del decreto Bilancio sociale: struttura di governo e la mappa delle relazioni economiche e sociali dell’ente di terzo settore

Esercitazioni, laboratori e lavori di gruppo

Le procedure di approvazione e pubblicità del bilancio sociale

Il bilancio sociale come strumento di comunicazione, di partecipazione e controllo dei risultati

Punto 5) del decreto Bilancio sociale: obiettivi ed attività

Gli indicatori qualitativi e quantitativi che misurano la mission

  • Pillola: gli indicatori di genere per un ente di terzo settore

Gli indicatori qualitativi e quantitativi che misurano il modello organizzativo

  • Pillola: Nuovi obiettivi e cambiamento organizzativo

Esercitazioni, laboratori e lavori di gruppo

Punto 6) del decreto Bilancio sociale: la situazione economico – finanziaria.

L’analisi di bilancio e lo strumento del valore aggiunto.

  • Pillola: SWOT ANALISYS

La cassetta degli attrezzi per un percorso partecipato di elaborazione del bilancio sociale

  • Pillola: Leadership: come riportare al proprio interno la formazione.

Esercitazioni, laboratori e lavori di gruppo

Valutazione finale del percorso formativo

Nell’interruzione tra la sessione della mattina e del pomeriggio di sabato 4 aprileai partecipanti verrà offerto un working lunch.

Il programma completo è scaricabile cliccando qui.

Le docenti

Dottoressa commercialista e revisora legale dei conti, è specializzata nella formazione e la consulenza per il non profit, la cooperazione e l’economia solidale, anche per la Pubblica Amministrazione. Svolge attività di sindaco e di revisore di numerose organizzazioni di economia solidale. È socia fondatrice ed è stata presidente della Mag Roma fino al 2015, per la quale ha svolto l’attività̀ di istruttoria dei finanziamenti e attività̀ di formazione e consulenza per l’economia solidale. È stata docente per il Master SLES – Sviluppo Locale ed Economia Solidale dell’Università̀ La Sapienza. Ha collaborato con la Scuola del sociale della Regione Lazio. Co-autrice, tra gli altri, di Finanza creatrice. Indagine sul microcredito nella provincia di Roma e di Lavorare nel terzo settore (Carocci editore).

È una Executive e Team Coach accreditata ACC dalla International Coach Federation.  In tanti anni di lavoro ha esplorato settori diversi: profit e non profit, governativo e non governativo. Ha lavorato a lungo come direttrice di grandi organizzazioni nazionali e internazionali, tra cui Amnesty International Italia, poi come dirigente per il governo e infine come imprenditrice con la sua società di consulenza e formazione.  Diversi anni fa ha incontrato il coaching e ha potuto verificare in prima persona quanto sia efficace per gestire al meglio i cambiamenti – personali e delle organizzazioni – e per realizzare progetti e sogni, anche quelli più ambiziosi. Le sue principali aree di interesse sono: leadership inclusiva, governance e management delle organizzazioni, diversity & inclusion, diritti umani, filantropia strategica.  Collabora come Executive coach con la Luiss Business School nell’ambito dei corsi di Executive Education e con la Fondazione Brodolini come docente di coaching per l’inclusione e di leadership inclusiva nell’ambito del Master GEDM.

È un’esperta di Diversity&Inclusion e soprattutto di gender equality. Senior project manager ed esperta di progettazione comunitaria coordina per la Fondazione Giacomo Brodolini l’area di Social Justice e dal 2012 il Master in Gender Equality e Diversity Management; dal 2013 coordina le attività di ricerca di Fondazione Brodolini per l’Italia per la European Fundamental Right Agency ed è nel team di coordinamento di diversi progetti di ricerca finanziati in abito comunitario sul tema Women in Science (Genis Lab, Genport, Target). Si è occupata di Bilancio di Genere, cambiamento organizzativo e relazioni industriali. Già imprenditrice dal 2001 al 2008 è attualmente PhD candidate presso l’Università di Modena e Reggio Emilia con una ricerca sulla relazione tra spazio ed organizzazione alla luce della digitalizzazione dei processi lavorativi. Con due figli piccoli e una media di due missioni all’estero alla settimana è un’esperta sul campo di work life integration.

Avvocato, esercita in particolare nel campo del diritto civile, del non profit, del diritto di famiglia e dei minori, del diritto dell’immigrazione. Consulente legale per gli sportelli legali di Save the Children Italia Onlus. È socia fondatrice ed è stata consigliera della Mag Roma fino al 2015, per la quale ha svolto l’attività di istruttoria dei finanziamenti e attività di formazione e consulenza per l’economia solidale. Master in “Finanza per lo sviluppo”, è esperta di microcredito e si occupa di finanza etica e mutualistica, economia solidale e cooperazione internazionale allo sviluppo, svolgendo attività di consulenza e formazione. Ha collaborato con la Scuola del sociale della Regione Lazio. Co-autrice, tra gli altri, di La gestione pubblica dello spettacolo – Manuale d’uso per le amministrazioni pubbliche locali (FrancoAngeli editore).

Come partecipare

Cerchiamo 15 candidati tra imprenditori e imprenditrici, manager, responsabili delle risorse umane, e operatori/operatrici che lavorano in imprese sociali e organizzazioni del terzo settore .

La quota di partecipazione alla formazione è pari a €400 + IVA per partecipante.

In caso di più partecipanti provenienti dalla stessa organizzazione/impresa, la quota di iscrizione del secondo iscritto sarà pari a €200 + IVA.

Per partecipare alla call, occorre compilare il modulo di adesione entro le ore 24.00 di mercoledì 25 marzo 2020.

I partecipanti selezionati verranno contattati via e-mail entro il 31 marzo 2020. La selezione avverrà sulla base dei materiali inviati, ma in alcuni casi, la commissione selezionatrice potrà chiedere un colloquio via Skype.

I partecipanti potranno inoltre usufruire di uno sconto sulla quota di iscrizione per partecipare alla X edizione del Master in Diversity Management e Gender Equality, organizzato dalla Fondazione Brodolini.

Per maggiori informazioni, scrivete a master@fondazionebrodolini.eu